Avviso Attenzione: è ancora scrivibile il file di configurazione: /home/segninel/public_html/includes/configure.php. Questo è un potenziale rischio di sicurezza - setta i permessi correttamente di questo file (sola-lettura, tipicamente CHMOD 644 o 444). Probabilmente dovrai utilizzare il file manager nel pannello di controllo del tuo host. Se non sai come procedere contatta il tuo fornitore di hosting per ricevere assistenza. Vedi FAQ

Accademia della Crusca

VOCABOLARIO DEGLI ACCADEMICI DELLA CRUSCA in questa terza impressione Nuovamente corretto, e copiosamente accresciuto.

In Firenze Nella Stamperia dell'Accademia della Crusca 1691 3 volumi in folio. pagine 1 carta bianca + occhietto + III + 374 + 1 carta bianca + 1 carta bianca + occhietto + 926 + 1 carta bianca + 1 carta bianca + occhietto + 907 + 1 carta bianca. Le pagine del secondo e del terzo volume sono numerate prograssivamente ed in totale 1834. Legatura 900esca in mezza pelle marrone. Titolo oro e nervature al dorso. Piatti marmorizzati. Testo su due colonne. Frontespizio con grande impresa della Crusca (il "frullone") incisa da Francesco Nacci e recante il motto "Il più bel fior ne coglie". Ex-Libris ad ogni volume. Ottima e fresca copia marginosa. Cfr. Gamba p. 487 N°2264 L'Accademia della Crusca venne fondata verso il 1580 a Firenze da un gruppo di persone (fra i quali ricordiamo Anton Francesco Grazzini e Lionardo Salviati) come risposta alla pedanteria dell'Accademia fiorentina. Il loro intento era quello di separare il fior di farina (la buona lingua) dalla crusca. Il frullone, che i mugnai utilizzano per operare questa separazione, venne adottato come simbolo dell'Accademia; il famoso verso di Petrarca "il più bel fior ne coglie" ne divenne invece il motto. Assumendo Dante, Petrarca e Boccaccio come riferimento (ma anche autori successivi o non fiorentini), svilupparono un vocabolario (1590 - 1612) che, da allora, venne preso a riferimento come modello dell'italiano letterato. La prima edizione, venne stampata a Venezia del 1612 da Giovanni Alberti. Il successo andò oltre ogni aspettativa: questa realizzazione, che era di fatto la prima opera lessicografica dedicata ad una lingua moderna, si impose molto velocemente in Italia e all'estero. Il vocabolario venne riedito più volte nei secoli successivi fino al 1923, quando Giovanni Gentile (Ministro della Pubblica Istruzione) ordinò l'interruzione della compilazione e della stampa del vocabolario.

Da inserire:

2,200.00EUR


Libro inserito in catalogo mercoledì 23 maggio, 2012.

Copyright © 2018  -  Segni Nel Tempo Cannaregio 1091/E, 30121 Venice, Italy  -  P.iva 01456580420