Avviso Attenzione: è ancora scrivibile il file di configurazione: /home/segninel/public_html/includes/configure.php. Questo è un potenziale rischio di sicurezza - setta i permessi correttamente di questo file (sola-lettura, tipicamente CHMOD 644 o 444). Probabilmente dovrai utilizzare il file manager nel pannello di controllo del tuo host. Se non sai come procedere contatta il tuo fornitore di hosting per ricevere assistenza. Vedi FAQ

Santorio Santorio

COMMENTARIA IN ARTEM MEDICINALEM GALENI.

Venezia Antonium Brogiollum 1630 4° Pagine 1 carta bianca + 48 non numerate + 1638 numerate su due colonne + 1 carta bianca. Legatura coeva in pergamena. Titolo calligrafato al dorso. Lievissime fioriture. Ottima copia.Seconda edizione (la prima del 1612). Noto anche come Sanctorius o Santorio Santorii o Sanctorius da Padova o Santorre Santario. Studiò all'Università di Padova dove si laureò in medicina nel 1582. Dopo la laurea esercitò in Croazia e alla corte di Massimiliano re di Polonia. Tornato nella Repubblica Veneta nel 1599, si stabilì a Venezia dove esercitò la medicina pratica con grande consenso e successo e dove fece amicizia con Sarpi, Sagredo e Galileo. Il suo adattamento del pendolo alla pratica medica fu probabilmente ispirato dalle discussioni con Galileo sugli esperimenti di quest'ultimo con i pendoli del 1602; lo strumento fu descritto in un libro pubblicato da Santorio alla fine di quell'anno o agli inizi del 1603. Nel 1611 divenne professore di medicina teorica all'Università di Padova. In quella città pubblicò descrizioni di congegni termometrici che probabilmente avevano tratto ispirazione dal termoscopio di Galileo. Nel 1624 rinunciò alla cattedra per dedicarsi alla pratica privata. Fu un pioniere nell'impiego delle misurazioni fisiche in medicina; il suo dispositivo più famoso fu una grande bilancia usata per studiare le trasformazioni metaboliche in soggetti sperimentali tra i quali vi fu Galileo. Fu seguace del metodo sperimentale di cui comprese l'importanza e la necessità anche per le discipline biologiche. Considerato il fondatore della iatromeccanica, fu autore di importanti studi sul metabolismo e sulla termoregolazione umana dimostrando l'esistenza della perspiratio insensibilis ed introducendo in medicina l'uso del termometro clinico che ideò. Santorio inventò altri strumenti come il pulsilogio o pulsametro capace di tradurre in numero l'apprezzamento individuale della frequenza del battito cardiaco ed altri congegni atti a determinare con esattezza matematica i parametri vitali umani. Cfr: HIRSCH V 21 BLAKE 401 OSLER 3914 CHOIX 9485 SUDHOFF 283

Da inserire:

490.00EUR


Libro inserito in catalogo giovedì 15 maggio, 2014.

Copyright © 2018  -  Segni Nel Tempo Cannaregio 1091/E, 30121 Venice, Italy  -  P.iva 01456580420